Sorry, this is only available in italian For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Tutti abbiamo un lungo elenco di prime volte della vita: la prima volta che andiamo a scuola, la prima volta che prendiamo un autobus, la prima volta che vediamo il mare, la prima volta che andiamo in montagna, il primo bacio, la prima volta che beviamo alcool… La vita passa, passano gli anni e non ci sono tante prime volte… o almeno sembra così.

Pochi mesi fa, cinque specificamente, io, Iranzu, ho preso il coraggio di iniziare un nuovo percorso pieno di prime volte. Sono uscita da Pamplona, la mia città di nascita e dove ho vissuto da sempre, per la prima volta. E sì, dico per la prima volta perché non l’ho fatto con la mia famiglia, neanche con le mie amiche, non l’ho fatto per vacanze né per fare turismo. Per la prima volta nella mia vita sono uscita dalla mia casa, dalla mia comodità e dal mio ambiente, ho preso le mie cose e sono venuta in Italia, a Milano, piena d’illusioni e di paure. Paure perché tutto quello che fai per la prima volta deve fare un po’ paura.

IMG-20170114-WA0018Per la prima volta abito da sola, in una città sconosciuta, circondata da gente sconosciuta, imparando una nuova lingua. Adesso condivido un appartamento con persone con cui non posso parlare la mia lingua madre, ho cominciato un nuovo progetto e, ovviamente, sconosciuto, con una maniera di lavorare diversa da quella che io conoscevo.

                                                      IMG-20160930-WA0002

Imparo nuove filosofie di vita, nuove visioni dei problemi che affliggono il mondo, nuove realtà, sto conoscendo persone con un grande coinvolgimento per l’ambiente e per le persone che hanno meno opportunità. Per la prima volta ho conosciuto Casa per la Pace Milano. È la prima volta che conosco un’associazione non-profit da dentro, adesso e per quasi un anno sarò anch’io parte di questo progetto, di questo  impegno.

                                                                                                                FB_IMG_1477322523113

Per la prima volta, ho viaggiato da sola. Sì, sola, ho preso un autobus e sono andata a visitare, per la prima volta, Venezia. Le mie attese sulla città erano altissime, eppure, non sono state minimamente vicine a quello che ho poi visto. I canali, Piazza San Marco, i gioielli architettonici della città, il sole, il calore della gente…

16-09-25-16-05-34-923_deco

Visto il successo del mio primo piccolo viaggio per conto mio, mi sono convinta a fare una gita, un weekend a Firenze. Chi mi conosce sa che è molto facile sentirmi dire: “mi sono innamorata di questa città” … lo dico sempre lì dove sono. Nonostante, come non farlo, mi sembrava di stare visitando il set di un bel film. Lì, per la prima volta ho dormito da sola in una camera condivisa con altre ragazze che stavano viaggiando da sole, ho mangiato per la prima volta in un ristorante, ho parlato con un signore anziano in una caffetteria, mentre rideva di me perchè non riuscivo a capire quello che mi diceva (penso che parlasse marcando il suo accento così poteva vedere come diventavo rossa ogni volta di più).

                                                    16-10-15-17-28-14-449_deco

Nonostante le prime situazioni difficili nelle quali mi mancavano tanto i miei, la mia zona di comodità, cominciavo a trovarmi più a mio agio dentro la mia nuova vita.

Per la prima volta ho preso un treno con un collega e amico di lavoro per andare a Trento, dove ho potuto conoscere un nuovo progetto che si sta sviluppando in Italia. In questa bella e fredda città del nord dell’Italia sono stata testimone di una conferenza, dove gente d’ambiti diversi mostra il suo impegno nella lotta per ridurre la spesa militare e appoggiare la proposta di creare una commissione di mediatori che possano andare nei paesi in conflitto e così evitare l’inizio dei nuovi conflitti armati. Uno sforzo nobile e meraviglioso incorniciato in una città che non sembra italiana, a causa delle sue chiare influenze austriache, ma ciò non toglie niente al tempo che ho passato in questa bella città piena di gente gentile e disponibile.

                                                                                                                                         IMG-20161106-WA0020

Per la prima volta, insieme a una trentina di volontari e volontarie di origini diverse che stanno facendo lo SVE in diversi posti dell’Italia, ho vissuto una settimana di formazione a Nola, una piccola città nella regione Campania, dove ho conosciuto gente giovane e con tante voglie di scoprire nuove prime volte, come me. Insieme abbiamo conosciuto Napoli, una città meravigliosamente disorganizzata, con gente solare e estremamente simpatica, dove non tutto è negativo come a volte si pensa, al contrario, e posso dire che avrò una seconda volta a Napoli.

                                                       FB_IMG_1485631281475

Come potete vedere non ho approfittato del mio  tempo solo per viaggiare e conoscere un po’ della bella Italia, ma piano piano comincio a conoscere meglio anche la mia città di accoglienza, Milano. Grande e cosmopolita, città della moda e degli affari che, eppure è piena di contrasti, di luoghi storici e, oltre al gusto per la bellezza e per i piaceri superficiali della vita, c’è gente amichevole e alla mano.

16-10-26-23-52-19-122_deco                  16-11-27-21-50-32-750_deco

E gradualmente non sono più sola. Non avrei mai pensato come fare nuove amicizie in un posto dove comincio da zero. E oggi continuo senza sapere come farlo, semplicemente succede.

Ogni giorno da cinque mesi è una nuova prima volta per me, e ogni giorno m’innamoro di più della città e della gente ma, soprattutto, dell’Iranzu capace di fare tante cose nuove, di conquistare nuove sfide. 😛

Share Button