[:en]

I NOSTRI EX VOLONTARI

2018-19

Alejandra

Spain

A beautiful experience that made me grow at the workplace and mostly personally. An opportunity to learn to value all the good things around us and try to improve what you don’t like.

Vaiva

Lithuania

I had an honor to join Casa Per La Pace team for one year, contributing to their projects in various ways: through photography and communication, library and event management, becoming a full member of local community in educational, social, artistic, politic backgrounds. Prepare to embrace and enjoy Italian language, culture and lifestyle to the maximum. It’s an experience that shakes a little the inner ‘old’ you and only to the better – in improving as a better human being, a better world citizen.

Ana

Portugal

2017-18

Berta

Spain

It was a great opportunity to be welcomed into a particular group of people, projects, ideas, actions, a lot of work done (and still a lot to do), lunches, smiles and complicity. It was the individual and collective opportunity of (re-) signifying daily practices, becoming aware of them and being able to transform them into active nonviolence policy choices. ”

Milica

Serbia

For me it was an experience that enriches life in all ways. I learned so much from beautiful people in a year of non-violence or critical consumption.The various projects and friendships that I found there helped me to become more aware of others and self conscious of myself.
I managed the Library and coordinated the Italian school for foreigners. It inspired me a lot the exhibition “The others are us” and the educational game about immigration “The borders’ game”. Thanks to the inspiration and energy of Casa Pace, a more fair world is reachable.

 

Philippe

Germany

The experience I gain through my EVS in Casa per la Pace was absolutely fascinating! I learned so many new things at Casa per la Pace and can only support the Idea of doing your EVS there.

2016-17

Tony

Germany

Casa per la Pace is an association with a thousand faces, but in my opinion, the most beautiful faces were those of the students of the Italian School or of the children who I led in the exhibition about prejudices.

Elisabeth

France

After studying law and economics, I decided to see something else. Thanks to Casa per la Pace I discovered a different way to see, move and understand the world. There, I was passionately involved in the newsletter and the dissemination of events.

Iranzu

Spain

EVS with Casa per la Pace made me realize that nonviolence is a lifestyle, due to every single choice we make every day. Now i encourage everyone to re-think about the world we live.

2015-16

Yura

Ukraine

I come from the west of Ukraine (Lviv). As an IT developer, I helped renew this website. You like? My EVS year was great, also because I had the chance to travel all over Europe with my visa / residence permit.

Kseniya

Russia

I graduated in World history but I discovered other passions including traveling, volunteering and studying languages, and I decided to do EVS because it includes everything. In Casa per la Pace i did babysitting during the Italian school for foreign women, self-production and other manual work and the dissemination of events (the Newsletter, spam).

Gonzalo

Spain

I knew italian very well, and that helped a lot for integration. My duties were: co-management of the Italian school for foreigners, coordinate the library and participate in different types of training about non-violence.

2014-15

Lucy

UKraine

I helped in the schools trainings and the exhibition “We are the others” guiding the children through an interactive path, explaining the prejudices and discrimination in a simple and non-formal way. It has always been a challenge, because my Italian was not good and I didn’t know much about the subject. But I had so much fun with the children and I always had colleagues to help me. A couple of times I helped in the self-financing dinners, very funny, where together with other volunteers, I cooked and served, spending a nice time together. The entertainment program for guests has always been top: quizzes, ethnic dances, bands or just guitar to sing together. Thanks to all the staff of the House for Peace! It was a great pleasure to meet you all and learn a lot of new things with your help.

2013-14

Rachel

UK

I had a great time as a volunteer at Casa per la Pace and I really enjoyed living in Italy. EVS gave me the opportunity to experience lots of new and exciting things, broaden my horizons and learn many new skills. Casa per la Pace was very welcoming and I met some fantastic people from all over the world. It was a great experience that you recommend to all young people!

Bartek

Poland

I will always remember being a volunteer at Casa per la Pace as an extraordinary experience. He taught me to focus on the things I don’t normally think of, that is, how to make the world a little better and be a more aware person. I advise you to do EVS to all those who are adventurous and enjoy working and having fun with others.

2012-13

Rebone

South Africa

Casa per la Pace is a place that can be called “home”, where inner peace can be found. I’m glad I was part of a beautiful Association like this. I did many different things, from painting to singing, organizing events and much more … and at lunchtime, we all ate together as one big family. I learned a lot about what is really happening in Palestine, through the classes or workshops. The organization has great strength because the people involved work with passion, where one is automatically motivated through shared positive energy. Being with them has transformed me positively. As a person of another culture and tradition, I sometimes had difficulty understanding the tasks to do, but thanks to the patience of my mentors, I finally understood them without any difficulty.

Agnieszka

Poland

Casa per la Pace has proven to be a group of people who really want to change the world. I felt welcomed and in very good professional hands. 12 months have flown by and I learned how an NGO is managed and how a single person can take care of the environment around. This has been an adventure that has influenced my way of looking at people, the environment and the global problems of our times. Casa per la Pace offered me support and freedom to better decide what I want to dedicate to myself. This organization is a model for all those who run a non-profit organization. Now – a few years after my volunteering, I am continually applying the wisdom I learned in everyday life. Thank you so much and I wish you all the best, you are really wonderful people!

2011-12

Michasia

Poland

Before leaving for Italy to do this experience, I had so many doubts about the activities that awaited me, the people I had to work with, a new country, which intrigued me but at the same time was unknown to me. All doubts were dispelled upon my arrival in Milan. I found myself in a beautiful reality full of people who immediately welcomed me with open arms. Casa per la Pace allowed me to learn about different ways of doing PEACE and promoting NONVIOLENCE, and it made me aware of others. I began to appreciate different points of view, cultures and customs, which made me notice the beautiful differences that make up the world of today. Before arriving in Italy I thought I was a person with an open mind but only my collaboration with Casa per la Pace made me re-evaluate my principles. First of all, I realized that everything that happens in the world depends on me, that every step I take and every decision I make can have value and can initiate some changes. It also allowed me to realize all the things I can offer to others and the person I would like to be in life.

Markéta

Czech Rep.

This EVS experience has been truly enriching for me in so many ways. First of all, I had the opportunity to experiment with different ways of managing an organization, based not on a hierarchical model, but rather a family one, respecting all the people involved in the organization, including volunteers of all ages. This always made me feel like I was in a family rather than a job. Then, I had the opportunity to learn many new skills related to the nonviolent, multicultural and ecological field, which are useful for my everyday life and my profession as a social worker. And in the end I had the chance to learn to think differently about the world and the things that are happening around me, to have my eyes and my heart more open and not to be indifferent to all this, which made me to be more tolerant of others and more active in what is happening in society and around me. I am very happy and grateful for this experience and would recommend it to anyone interested in these topics.

2010-11

Hale

Turkey

When i think of Casa per la Pace, I have the image of the flag of peace and all that it symbolizes. In one year, I did lots of great projects: each of them was like a color on that flag, all different and fun with one goal: PEACE!
Being part of CasaPace has given me an enormous opportunity to learn the Italian language and live in Milan without problems. I will never forget the hospitality of Antonio and Grazia! Pier Giorgio taught us how to be aware of the beauty of the small details, apparently negligible around us. I am so grateful to all the wonderful people at Casa per la Pace; thanks to them I changed myself and learned how my personal progress is important. Now I look at others with greater tolerance. This experience added, not only the new dimensions in my perspective and values, but also new colors to my personality.

Anete

Latvia

I did many beautiful things: participate in the exhibition “The others are us”, babysitting children during the Italian school for foreign women, and participate in the Theater of the Oppressed. Furthermore, I was very happy to create “WORLD’S MOVIE NIGHT” and take on the office. But above all I am very proud of participating in the public water referendum. Casa per la Pace is a life-changing place. At least it is for me. Many of my goals and values have changed thanks to the great people who work at Casa per la Pace. A big THANK YOU to them, and a very special one thanks to the greatest, incredibly intelligent and amusing Italian soul that has ever met Pier Giorgio Mora. You will always be in my heart!

2009-10

Ali

Turkey

My experience with EVS started with a phone call from my brother asking me to apply for a project in Milan. Until that moment I knew nothing about EVS. But it was one of the best things I did in my life. I always lived with my parents until age 23 and I hadn’t left home for more than 10 days. With them, I learned so many things that I will need for the rest of my life again: a new language, how to live alone, made Theater of the Oppressed, the Show against prejudices (which was a beautiful thing), tours of the city, sessions against violence and many other things that have helped me so much to be a more social person who tries to see things with so many different sides not with prejudices. Last but not the least! I met some beautiful people! Thank you all! (Jitka, Matteo, Margo, Anna, Barbara, Piergiorgio, Michele, Sergio, Mercedes). I especially wish to thank the two wonderful couples: Antonio and Grazia / Piergiorgio and Grazia. RIP Piergiorgio and Grazia.

Jitka

Czech Rep.

When I think, what were the 9 months of EVS in Italy and what I brought with me as inspiration, is certainly the experience of running an NGO organization following Gandhi’s principles, especially that good means are important to get good results. So we worked on us in “Pensatoio” to manage conflicts between us to provide quality non-violent communication training in schools.
The culture shock: 1) I learned at Casa Pace, that I can influence things in society even at the legislative level, I just need to dare to try. 2) The wonderful Italian sense of simplicity, which makes things beautiful and joyful.
Although it is said that Milan is not the largest of the Italian cities, I liked it, partly also for my local friends, who taught me Italian folk dances and danced in the streets.

[:it]

I NOSTRI EX VOLONTARI

2018-19

Alejandra

Spagna

Una bella esperienza che mi ha fatto crescere nel mondo del lavoro, ma soprattutto personalmente. Un’opportunità per imparare a valorizzare tutto il bene che ti circonda e cercare di migliorare ciò che non ti piace.

Vaiva

Lituania

Ho avuto l’onore di unirmi al team di Casa Per La Pace per un anno, contribuendo ai loro progetti in vari modi: attraverso la fotografia e la comunicazione, la gestione delle biblioteche e degli eventi, diventando membro a pieno titolo della comunità locale in contesti educativi, sociali, artistici e politici. Preparatevi ad abbracciare e godere al massimo la lingua, la cultura e lo stile di vita italiano. È un’esperienza che scuote un po’ il tuo “vecchio” interiore, migliorando come un essere umano e cittadino del mondo.

 

Ana

Portogallo

2017-18

Berta

Spagna

“Fare lo SVE a Casa per la Pace è stata la bella opportunità di essere accolta in un particolare insieme di persone, progetti, idee, azioni, tanto lavoro fatto (e ancora tanto da fare), pranzi, risate e complicità. È stata l’opportunità individuale e collettiva di (re-)significare le pratiche quotidiane, prenderne consapevolezza e poter trasformarle in scelte politiche di nonviolenza attiva.”

Milica

Serbia

“Il mio SVE a Casa Pace è stata un’esperienza che arricchisce la vita in tutti i modi. Ho imparato tanto dalle persone belle, in un anno di nonviolenza, del consumo critico, mi ha aiutato a diventare più consapevole degli altri ma anche di me stessa tra vari progetti e amicizie che ho trovato là.
Io gestivo il Centro documentazione e coordinavo la scuola dell’italiano per gli stranieri.
Tra altri i progetti che mi hanno ispirato e fatto crescere di più sono la mostra “Gli altri siamo noi” e il gioco didattico “Il gioco delle frontiere”. Grazie a tutti di Casa Pace che con le loro energie, un mondo più giusto è raggiungibile”.

 

Philippe

Germania

L’esperienza che ho acquisito attraverso il mio SVE in Casa per la Pace è stata assolutamente affascinante! Ho imparato tante cose nuove nel corso dell’anno che assolutamente incoraggio altri giovani a farlo.

2016-17

Tony

Germania

Casa Pace è un’associazione con mille face, ma secondo me, le facce più belle erano quelle degli studenti della Scuola italiana o dei bambini che attraversavano la mostra sui pregiudizi che ho guidato. Desidero buono studio agli studenti della scuola e buona fortuna per la loro vita in Italia.

Elisabeth

Francia

Dopo aver studiato Diritto ed economia, ho deciso di vedere qualcos’altro. Grazie a Casa per la Pace ho scoperto un modo diverso di vedere, muoversi e capire il mondo. Lì mi occupavo con passione della Newsletter e della diffusione degli eventi.

Iranzu

Spagna

Lo SVE con Casa per la Pace Milano mi ha fatto rendermi conto che la NonViolenza è uno stile di vita, grazie a ogni singola scelta che facciamo ogni giorno.

2015-16

Yura

Ucraina

Vengo dall’ovest dell’Ucraina (Lviv). Come IT developer, ho aiutato a rinnovare questo sito. Ti piace? Il mio anno SVE è stato grandioso, anche perché ho avuto la possibilità di viaggiare in tutta Europa con il mio visto/permesso soggiorno.

Kseniya

Russia

Mi sono laureata in storia mondiale ma ho scoperto altre passioni tra cui viaggiare, fare volontariato e studiare le lingue, e ho deciso di fare lo SVE perchè include tutto ciò. Le mie mansioni a Casa per la Pace includono fare il babysitting durante la scuola d’italiano per le donne straniere, l’autoproduzione e altri lavori manuali e la difusione degli eventi (la Newsletter, lo spam).

Gonzalo

Spagna

Mi sono Laureato in Filologia Romanza e Master in Spagnolo.  Come volontario europeo, le mie mansioni riguardano: la cogestione della scuola di italiano rivolta a stranieri, il coordinamento della biblioteca e la partecipazione in percorsi formativi di diverso tipo, tutte mirate all’esercizio della nonviolenza.

2014-15

Lucy

Ucraina

Ho fatto il mio SVE con CeLIM a Milano. Quando sono arrivato in città, ho iniziato la ricerca di altre ONG in cui potrebbero essere altri volontari SVE o attività interessanti. E’ così che ho incontrato Casa per la Pace. Purtroppo, non ho avuto tanto tempo libero per collaborazione tantissimo, ma per le poche attività che ho fatto, ha stato una grandissima esperienza. Ho aiutato nella Mostra nelle scuole – Gli altri siamo noi – dove abbiamo guidato i bambini attraverso un percorso interattivo, spiegando i pregiudizi e la discriminazione in un modo semplice e non formale. E’ stata sempre una sfida, perché il mio italiano non era buono e non conoscevo tanto l’argomento. Ma mi sono divertita tanto con i bambini e sempre ho avuto alcuni volontari della Casa per la Pace per aiutarmi. Un paio di volte ho aiutato nelle cene di autofinanziamento, molto divertenti, dove insieme ad altri volontari, ho cucinato e servito, passando un bel momento insieme. Il programma di intrattenimento per gli ospiti è sempre stato top: quiz, danze etniche, band o semplicemente chitarra per cantare tutti insieme. Grazie a tutto il personale della Casa per la Pace! E’ stato un grande piacere di incontrare tutti voi e di imparare un sacco di cose nuove con il vostro aiuto.

2013-14

Rachel

Regno Unito

Mi sono divertita molto come volontaria a Casa per la Pace e mi è piaciuto tanto vivere in Italia. Lo SVE mi ha dato l’opportunità di sperimentare un sacco di cose nuove ed eccitanti, allargare i miei orizzonti e imparare molte nuove abilità. Casa per la Pace è stato molto accogliente e ho incontrato delle persone fantastiche provenienti da tutto il mondo. E’ stata una grande esperienza che consigli a tutti giovani!

Bartek

Polonia

Mi ricorderò sempre di essere un Volontario in Casa per la Pace come un’esperienza straordinaria. Mi ha insegnato a concentrarmi sulle cose che normalmente non ci penso, cioè, come rendere il mondo un po’ migliore e di essere una persona più consapevole. Vi consiglio a fare lo SVE a tutti quelli che è sono avventurosi e piace lavorare e divertirsi con gli altri.

2012-13

Rebone

Sudafrica

Casa per la Pace: un luogo che si può chiamare “casa”, dove si può trovare la pace interiore. Sono contento di aver fatto parte di una bella Associazione come questa. Ho fatto tante cose diverse, dalla pittura al canto, l’organizzazione di eventi e tanto altro ancora… e all’ora di pranzo, mangiavamo tutti insieme come una grande famiglia. Ho imparato molto su ciò che sta realmente accadendo in Palestina, attraverso le classi / workshop organizzati da Casa Pace. L’organizzazione ha una gran forza perché le persone coinvolte lavorano con passione, dove uno è motivato ​​automaticamente attraverso una energia positiva condivisa. Essere con loro mi ha trasformato positivamente. Come persona di un’altra cultura e tradizione, a volta ho avuto difficoltà nel capire i compiti da fare, ma grazie alla pazienza dei miei mentori, alla fine li capivo senza alcuna difficoltà. Auguro a tutti quanti della famiglia di Casa per la Pace salute, amore e pace!

Agnieszka

Polonia

Casa per la Pace si è dimostrata come un gruppo di persone che veramente vogliono cambiare il mondo. Mi sono sentita accolta e in buone mani molto professionali. 12 mesi sono volati e io ho imparato come una ONG viene gestita e come una persona sola può prendere cura dell’ambiente attorno. Questa è stata un’avventura che ha influenzato il mio modo di guardare la gente, ambiente e i problemi globali dei nostri tempi. Casa per la Pace mi ha offerto supporto e libertà di decidere meglio a cosa voglio dedicarmi. Quest’organizzazione è un modello per tutti coloro che gestiscono una organizzazione senza scopo di lucro. Adesso – qualche anno dopo il mio volontariato, di continuo sto applicando la saggezza che ho appreso nella vita quotidiana. Grazie infinite e vi auguro tutto il migliore, siete davvero persone meravigliose!

2011-12

Michasia

Polonia

Ho svolto il progetto SVE di 12 mesi presso la Casa per la Pace Milano. Prima di partire per l’Italia per fare questa esperienza avevo tanti dubbi sulle attività che mi aspettavano, sulla gente con cui dovevo lavorare, sul paese nuovo, che mi incuriosiva ma allo stesso tempo mi era sconosciuto. Tutti i dubbi sono stati dissipati al mio arrivo a Milano. Mi sono ritrovata in una bellissima realtà piena di persone che subito dall’inizio mi hanno accolta a braccia aperte. Casa per la Pace mi ha permesso di conoscere diversi modi di fare la PACE e promuovere la NONVIOLENZA, e mi ha sensibilizzata agli altri. Ho iniziato ad apprezzare diversi punti di vista, culture e usanze, il che mi ha fatto notare le bellissime differenze che costruiscono il mondo del oggi. Prima di arrivare in Italia credevo di essere una persona con la mente aperta ma solo la mia collaborazione con Casa per la Pace mi ha fatto rivalutare i miei principi. Innanzitutto, ho capito che tutto che succede nel mondo dipende da me, che ogni passo che faccio e ogni decisione che prendo possono avere il valore e possono dare il via a qualche cambiamento. Il progetto SVE a Casa per la Pace Milano mi ha permesso di rendermi conto di tutte le cose che posso offrire agli altri e della persona che vorrei essere nella vita.

Markéta

Rep. Ceca

La mia esperienza come volontaria SVE in Casa per la Pace è stata davvero arricchente per me in tanti modi. Prima di tutto ho avuto la possibilità di sperimentare diversi modi di gestire una organizzazione, basata non su un modello gerarchico, ma piuttosto familiare, rispettando tutte le persone coinvolte nell’organizzazione, tra cui i volontari di tutte le età. Questo mi ha fatto sentire sempre come in una famiglia piuttosto che in un posto di lavoro. Poi, ho avuto la possibilità di imparare molte nuove competenze legate al campo nonviolento, multiculturale ed ecologico, che sono utili per la mia vita di tutti i giorni e la mia professione come assistente sociale. E alla fine ho avuto la possibilità di imparare a pensare in modo diverso sul mondo e le cose che stanno accadendo intorno a me, di avere i miei occhi e il mio cuore più aperto e di non essere indifferente a tutto questo, che mi ha fatto ad essere più tolleranti verso gli altri e più attiva in ciò che sta accadendo nella società e intorno a me. Sono molto felice e grata per questa esperienza e lo consiglierei a chiunque sia interessato a questi argomenti.

2010-11

Hale

Turchia

Si penso a CasaPace, ho l’immagine della bandiera di pace e tutto quello che simboliza. In un anno, ho fatto tantissimi bei progetti: ognuno di loro è stato come un colore su quella bandiera, tutte diverse e divertenti con un unico obiettivo: la PACE!
Essere parte di CasaPace mi ha dato un’enorme opportunità per imparare la lingua italiana e vivere a Milano senza problemi. Non dimenticherò mai grandiosa l’ospitalità di Antonio e Grazia! Pier Giorgio ci insegnava come essere consapevoli della bellezza dei piccoli dettagli, apparentemente trascurabili intorno a noi. Sono così grata a tutte le persone meravigliose di CasaPace; grazie a loro sono cambiata me stessa e ho imparato come il mio progresso personale è importante. Ora guardo ad altri con maggiore tolleranza. L’esperienza con CasaPace ha aggiunto, non solo le nuove dimensioni nella mia prospettiva e valori, ma anche nuovi colori alla mia personalità.

Anete

Lettonia

Ho fatto tante belle cose: partecipare la mostra “Gli altri siamo noi”, babysitting bambini durante la scuola di italiano per donne straniere, e partecipare al Teatro dell’Oppresso. Inoltre, ero molto felice di realizzare “WORLD’S MOVIE NIGHT” e pittare l’ufficio. Ma sopratutto sono molto orgogliosa della partecipazione al referendum sull’acqua pubblica. Casa per la Pace è un luogo che cambia la vita. Almeno lo è per me. Molti dei miei obiettivi e valori hanno cambiato grazie alle grandi persone che lavorano a Casa per la Pace. Un grande GRAZIE a loro, e uno davvero speciale grazie alla più grande, incredibilmente intelligente e divertente anima italiana che abbia mai incontrato Pier Giorgio Mora. Sarete sempre nel mio cuore!

2009-10

Ali

Turchia

La mia esperienza di SVE è iniziato con una telefonata di mio fratello che mi chiedeva di fare la domanda per un progetto che sta a Milano. Fino quel momento non sapevo niente dello SVE. Però è stata una delle migliori cose che ho fatto nella mia vita. Ho vissuto sempre con i miei fino l’età 23 e non ero andato via da casa per più di 10 giorni. Invece con lo SVE grazie a CASA PER LA PACE, ho imparato tante cose che mi servirà per il resto della mia vita ancora. Ho imparato una nuova lingua, come vivere da solo, fatto teatro dell’Oppresso, la Mostra contra pregiudizi (che era una cosa bellissima), giri della città con un Signore milanese “Pier Giorgio Mora” (R.I.P.), sessioni contra violenza e tante altre cose che mi hanno aiutato tanto per essere una persona più sociale chi cerca di vedere le cose con tanti lati diversi non con pregiudizi. Last but not the least! Ho conosciuto delle bellissime persone! Grazie a tutti! (Jitka, Matteo, Margo, Anna, Barbara, Piergiorgio, Michele, Sergio, Mercedes). Desidero ringraziare specialmente alle due meravigliose coppie: Antonio e Grazia / Piergiorgio e Grazia. Riposate in PACE, Piergiorgio e Grazia.

Jitka

Praga

Quando penso, quali sono stati i 9 mesi di EVS in Italia e ciò che ho portato con me come ispirazione, è sicuramente l’esperienza di gestire un’organizzazione ONG seguendo i principi di Gandhi, specialmente che i mezzi buoni sono importanti per ottenere buoni risultati. Così abbiamo lavorato su di noi in “Pensatoio” per gestire i conflitti tra di noi per fornire formazione di comunicazione non violenta di qualità nelle scuole.
Lo shock culturale: 1) Ho imparato a Casa Pace, che posso influenzare le cose nella società anche a livello legislativo, ho solo bisogno di osare provare. 2) Il meraviglioso senso italiano di semplicità, che rende le cose belle e gioiose.
Anche se si dice che Milano non è la più grande delle città italiane, mi è piaciuta, in parte anche per i miei amici locali, che mi hanno insegnato balli folcloristici italiani e abbiamo ballato nelle strade.

[:]