Il modo in cui si comunica trasforma il contenuto di ciò che diciamo e i rapporti in cui avviene la comunicazione. Imparare a comunicare in modo empatico e nonviolento è la chiave per migliorare il nostro ruolo nei conflitti.
Il laboratorio è strutturato per appropriarsi della comunicazione nonviolenta attraverso un metodo interattivo ed esperienziale, una trasformazione sempre in atto che coinvolge parole, emozioni e corpo.
Qual è la modalità di comunicazione con cui siamo cresciuti/e?
Qual è la nostra modalità comunicativa?
Come ci si allena all’ascolto e all’espressione nonviolenta dei propri bisogni?
Quando: 19-20 febbraio, sabato dalle 10.00 alle 18.00 e domenica dalle 10.00 alle 16.00
Dove: presso la nostra sede, in via Marco d’Agrate 11, 20139 Milano (zona Corvetto)
Costi: 140€ + 10€ di tessera associativa
Per iscriversi compilare questo modulo o scrivere a iscrizioni@casaperlapacemilano.it

Formatorз:

Almudena González

Nata a Madrid, vive a Milano dal 2010.
E’ formatrice nell’ambito della comunicazione nonviolenta, la gestione dei conflitti e la facilitazione di processi di crescita personale rivolti ad adolescenti, giovani e adulti.
Il metodo prevalente è quello del teatro dell’oppresso, che contamina con altre proposte creative e pedagogiche (creazioni di giochi di ruolo, stop-motion, scrittura creativa, viaggio dell’eroe…)
La sua traiettoria nell’ambito del Teatro dell’Oppresso e della formazione iniziano nel 2011.
Dal 2015 al 2019 ha coordinato diverse formazioni internazionali di carattere residenziale rivolte ad educatori nell’ambito dei programmi europei Youth in Action e Erasmus+.
Nel 2016 si è formata come facilitatrice di TdO presso la scuola della Giolli-Cooperativa.
Ha coordinato la prima e seconda edizioni del Teatro dell’Oppresso Milano Festival (2017 e 2019).