Campo di lavoro e di formazione
Dal 14 al 16 luglio. Presso la cascina Sant’Ambrogio


Programma giornaliero:

Modalità di partecipazione:
Possono partecipare persone tra i 16 e gli 80 anni, fino a 20 partecipanti.
Contributo di 30 euro per i 3 giorni (tessera associativa di Casa per la Pace Milano inclusa). E’ possibile partecipare a una singola giornata con un contributo di 10 euro al giorno + 5 euro di tessera associativa.
CasciNet –  Cascina Sant’Ambrogio Via Gavriana 38. Passante S5 Forlanini Milano
FOTO

Una risposta

  1. Adriano, partecipante al campo, scrive:
    Un campo di lavoro è una esperienza unica, si mangia sabbia, si gira per discariche, si cerca di conoscere i propri pregiudizi e superarli, ci si guarda attorno e ci si guarda dentro. Eppure la magia sta nel condividere e fabbricare il cibo con le cucine solari, e poi cantate a squarciagola fino a notte perché è bello riconoscersi in un mondo che non ha paura dei confini e nonostante la complessità della vita, cercare di andare oltre.
    Noi, lomellini immersi in un mare di cascine, facciamo fatica a comprendere l’amore che genera negli abitanti metropolitani la possibilità di avere una cascina a disposizione, la possibilità di creare un associazione che la ama e la gestisce e che ogni giorno inventa un nuovo progetto. Basta sentire le parole di Mario quando racconta degli orti sociali che hanno creato, dei buoni rapporti con la famiglia rom che vive al margine del bosco, della ragazza che fa il master proprio qui e intanto aiuta con la grafica a fare conoscere la cascina. Poi c’è una piccola scuola per bambini, alternativa alle scuole chiuse della città dove i bambini imparano a leggere la natura e nei luoghi chiusi che chiamano tana ci vanno solo se fa un freddo cane. E poi che dire della food forest, del laboratorio di essenze, della sperimentazione della permacultura, dell’orto per i disabili, della voglia di rappresentare arte e co-working, del laboratorio di erboristeria e di medicina dolce che sta per partire, degli affreschi medioevali nella cripta che aspettano una mano creativa per tornare all originale bellezza. Questa è Cascinet, il luogo del campo di lavoro dove per tre giorni ho imparato come pace e creatività sanno darsi la mani e seminare amicizie forti. Del resto, le cascine un tempo erano grandi piazze di socialità, così sta diventando anche questo luogo dimenticato della metropoli, stretto tra tangenziali e metropolitana, luogo tanto assurdo quanto vero dove al posto della vecchia ghiacciaia un falegname restaura mobili antichi, dove in inverno davanti ad un enorme camino si proiettano film e si chiacchiera della vita.
    Ce ne andiamo a malincuore, ce ne andiamo dopo avere sollevato nuove di polvere e riempito tutte le discariche attorno, ce ne andiamo tra baci e abbracci perché è bello trovarsi in tanti, gente di almeno dieci paesi diversi, e annegare di entusiasmo. Ancora una volo Casa Pace di Milano ha prodotto un miracolo.

I commenti sono chiusi.